Turismo montano (quarta parte)

 

Mountains are an important source of water, energy and biological diversity. Furthermore, they are a source of such key resources as minerals, forest products and agricultural products and of recreation. As a major ecosystem representing the complex and interrelated ecology of our planet, mountain environments are essential to the survival of the global ecosystem. Mountain ecosystems are, however, rapidly changing. They are susceptible to accelerated soil erosion, landslides and rapid loss of habitat and genetic diversity. On the human side, there is widespread poverty among mountain inhabitants and loss of indigenous knowledge.(….) (Art 13 Agenda 21)

 

 Contesto storico/culturale

 Il turismo montano in Europa è strettamente legato con la storia della catena montuosa alpina, arcuata e dissimmetrica che si estende dal Mediterraneo alla pianura ungherese, per una lunghezza di circa 1200 chilometri. Le montagne più alte seguono, all’incirca, l’asse interno, e le vette più elevate sono quasi tutte raggruppate in prossimità del gomito franco–svizzero, ove la catena è più stretta (massiccio del Monte Bianco, Alpi Pennine e Oberland Bernese). La larghezza della catena è di circa 120 chilometri tra il lago Lemano e Ivrea, e raggiunge i 180 chilometri nelle Alpi del sud, superando i 300 ad est del lago di Como. Le Alpi comunque non hanno né l’ampiezza né la grandiosità delle montagne americane o di quelle dell’Asia centrale. Sono poi attraversate da grandi, numerose e profonde vallate, e dalle appendici delle vicine pianure, il che determina valichi piuttosto bassi ed accessibili. Il superamento e la penetrazione di questo sistema montuoso risulta relativamente facili, con la conseguenza che l’insediamento umano vi è sempre stata possibile. (altro…)