Con la firma di tre protocolli avvenuta a fine luglio, nasce il sistema delle ciclovie turistiche nazionali. A firmare i protocolli d’intesa per la progettazione e realizzazione dei primi quattro percorsi previsti, il ministro dei beni culturali e del turismo Dario Franceschini, il ministro dei trasporti Graziano Delrio, i governatori Roberto Maroni e Luca Zaia ed i rappresentanti delle otto Regioni coinvolte (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Basilicata e Puglia).

Da Torino a Venezia, da Verona a Firenze, da Caposele a Santa Maria di Leuca e a Lecce, sarà possibile viaggiare in sella della propria bicicletta, per divenire protagonisti di un turismo slow e sostenibile, che ha, per il nostro paese, un valore potenziale di oltre 3,2 miliardi di €uro annui, mentre in Europa ne vale circa 44. 

I percorsi delle 4 ciclovie  sono:

  1. la “Ven-To” (680 km da Venezia a Torino lungo il fiume Po);
  2. la “Ciclovia del Sole” (300 km da Verona a Firenze, si aggancia alla tratta Brennero-Verona-Lago di Garda, già completata, e si estenderà fino a Roma);
  3. la “Ciclovia dell’Acquedotto pugliese” (500 km da Caposele-Avellino a Santa Maria di Leuca-Lecce);
  4. la “Grab – Grande raccordo anulare delle biciclette” (al cui protocollo d’intesa stanno lavorando Mit, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo e Comune di Roma).

Il progetto del sistema nazionale delle ciclovie turistiche è programmato nel triennio 2016-2018, con uno stanziamento previsto dalla legge di stabilità di 91 milioni di euro (17 mln per il 2016, 37 per il 2017 e 37 per il 2018), a cui si sommeranno ulteriori 10 milioni messi a disposizione dalle Regioni interessate. Per completare i progetti saranno reperiti ulteriori finanziamenti anche in sede di fondi europei.

 

Ario Locci

Agosto 2016

 

Sitografia consultabile

[Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti] Nasce il sistema delle ciclovie turistiche nazionali – 27.07.2016

TURISMO: AL VIA SISTEMA CICLOVIE, FIRMATI PROTOCOLLI PER PRIMI 1.500 KM =

 Giannini: arrivano due accordi su mobilità ciclistica